Dieta Paleo

IN QUESTO SPAZIO DEDICATO POTETE ESPORRE ESPORRE SEGNI E SINTOMI INERENTI LA VOSTRA PATOLOGIA AUTOIMMUNE E CHIEDERE SUGGERIMENTI IN MERITO AD UN ULTERIORE MIRATO APPROFONDIMENTO DIAGNOSTICO E TERAPEUTICO, ANCHE INERENTE LA MEDICINA NON CONVENZIONALE. CERCHERO' DI FORNIRVI LE LINEE-GUIDA NECESSARIE.

Moderatori: doc54, SPAZIO MEDICO, IMMUNO-ONCOLOGIA

Dieta Paleo

Messaggiodi Tina » gio giu 18, 2015 4:07 pm

Ho la Hashimoto da qualche anno, sono in cura presso di lei, ma purtroppo in occasione della mia visita non ho voluto importunarla con domande non inerenti alla terapia, comunque, volevo sapere cosa ne pensa di questa dieta che si basa su una alimentazione a detta loro biologicamente compatibile con il DNA umano
Riporto sotto un sunto di quella che loro ritengono sia la miglior forma di diminuire e in alcuni casi anche curare le malattie di carattere autoimmune.

Protocollo Autoimmune Paleo


Cos'è il Protocollo Paleo Autoimmune?
Si parla di Protocollo Autoimmune quando sono presenti disturbi o malattie autoimmuni.
Di seguito una breve lista di malattie associate ad alterata permeabilità intestinale (leaky gut) con risposta autoimmune:
artrite reumatoide
autismo
celiachia
depressione
diabete di tipo 1
ipotiroidismo
morbo di Crohn
narcolessia
psoriasi
sclerosi multipla
tiroidite di Hashimoto
vitiligine
Tutte queste malattie condividono una causa comune: il danno alla mucosa intestinale che rende permeabile l'intestino e arreca la risposta di una malattia autoimmune.
Un intestino sano consente l'assorbimento delle sostanze nutritive e crea una barriera contro le tossine e le sostanze allergizzanti bloccandone il passaggio. Quando l'intestino diventa permeabile, la mucosa della barriera difensiva intestinale si lacera allargando le maglie e le tossine superano la barriera intestinale riversandosi nel sangue causando disturbi di vario tipo. La permeabilità intestinale è causata da vari fattori, spesso dovuta a una dannosa alimentazione: tra i principali responsabili ci sono i cereali che come sappiamo contengono lectine, i legumi e le solanacee contengono anche saponine, sostanze che possono causare permeabilità intestinale.
Per chi sta già seguendo l'alimentazione Paleo e soffre di una malattia autoimmune o per chi è interessato a una disintossicazione profonda dell'organismo, è prevista un’ulteriore esclusione degli alimenti consentiti dall'alimentazione Paleo.
A pag. 289 del libro "La Paleo Dieta" di Robb Wolf si legge: "Se soffrite di una malattia autoimmune o di dolori e presentate un elevato grado di infiammazione sistemica, vi consiglio di fare un ulteriore passo rispetto alle normali raccomandazioni Paleo."
Nel Protocollo Autoimmune Paleo si consiglia di eliminare ulteriori alimenti per 1-2 mesi, il periodo utile per verificare se alcuni cibi molto comuni causano qualche problema di salute.
Pertanto, oltre ad eliminare i cereali, i latticini e i legumi dall'alimentazione quotidiana (come previsto dalle linee guida Paleo) è consigliabile evitare:
Uova
Frutta secca (mandorle, noci, nocciole, noci pecan, ...)
Semi oleosi (semi di zucca, semi di girasole, semi di sesamo, semi di papavero, ...)
Solanacee (pomodori, melanzane, peperoni, patate, bacche di goji)
Spezie (peperoncino, paprika, curry, anice, cumino, semi di coriandolo, semi di finocchio, noce moscata, semi di senape)
Dolcificanti come stevia e xilitolo
Caffè, cacao, cioccolato
Bevande alcoliche
Questi alimenti, a causa della loro capacità di provocare una permeabilità intestinale, possono causare irritazione all'intestino con conseguente infiammazione, perciò se sono presenti malattie autoimmuni è consigliabile eliminare gli alimenti sopra elencati dalla propria alimentazione per un periodo di 1-2 mesi. Questo è un metodo per capire quali alimenti sono tollerati e quali no, trascorso questo periodo si possono introdurre nuovamente e verificare come reagisce l'organismo.
Colgo l'occasione per ricordare che gli pseudo cereali (quinoa, amaranto, grano saraceno e semi di chia) non sono concessi nella Dieta Paleo e sono ugualmente da eliminare poiché contengono saponine che possono aumentare la permeabilità intestinale.

Presso il centro di ricerca per la Celiachia dell'Università di Centro del Maryland condotto dal Dr. Alessio Fasano: http://www.celiaccenter.org si svolgono studi interessanti che possono fornire la prova della correlazione tra dieta alimentare e sviluppo di malattie autoimmuni.
La ricerca del Dr. Fasano, uno dei maggiori esperti mondiali di celiachia, studia l'aumento della permeabilità intestinale che spesso precede la celiachia, scatenando una risposta autoimmune che ha luogo nell'intestino. La ricerca ha dimostrato che eliminando il glutine dall'alimentazione, l'intestino riprende la sua corretta funzione e il danno intestinale guarisce, il Dr. Fasano continua la ricerca verificando la possibilità che i cambiamenti della permeabilità intestinale causati dal glutine siano alla base non solo della celiachia ma anche di altre malattie autoimmuni.

La ricerca è in continua evoluzione, non ci sono garanzie che le restrizioni alimentari sopra citate possano guarire dalle malattie autoimmuni, ci sono testimonianze che fanno pensare sia così e ne possiamo certamente dedurre che alimentandoci con "cibo vero", con alimenti poco elaborati, possiamo garantire al nostro organismo un apporto più completo e ricco di sostanze nutrienti, indispensabili per produrre l'energia necessaria e mantenere un buon livello di salute psico-fisica. Abbiamo la conferma che i cereali, i latticini e i legumi contengono sostanze potenzialmente dannose per l'intestino, mentre le solanacee sono da consumare con moderazione anche se non sono presenti malattie autoimmuni poiché il loro contenuto di saponine può contribuire allo sviluppo dell'infiammazione e causare permeabilità nelle membrane intestinali.
Attenzione: questi sono solo consigli alimentari che non intendono sostituire i farmaci e le terapie del medico, l'obiettivo principale è il miglioramento della salute eliminando la necessità dei farmaci.


Alimenti concessi nel Protocollo Autoimmune Paleo:
Carne (possibilmente grass fed), pesce preferibilmente pescato e non allevato, frattaglie
Verdura di stagione preferibilmente biologica
Frutta di stagione preferibilmente biologica (in moderate quantità, con preferenza per i frutti di bosco poiché meno zuccherini e ricchi di antiossidanti)
Brodo di ossa (molto consigliato)
Amidi sicuri: Patate americane o batate dolci, Platani, Castagne e Farina di Castagne, Arrowroot, Farina di Chufa (ottenuta dai tuberi di Tiger Nuts, conosciuti anche come Cyperus o Zigolo dolce)
Alghe (escluse clorella e spirulina, poiché stimolano il sistema immunitario)
Avocado e Olio di Avocado, Olive verdi e nere, Olio extravergine di oliva biologico
Cocco e prodotti derivati: cocco grattugiato, olio di cocco vergine, latte di cocco senza zuccheri e senza additivi, acqua di cocco (con moderazione)
Sale rosa dell'Himalaya, Sale Integrale dell'Atlantico, Limone, Aceto di mele non pastorizzato (con moderazione)
Tè verde (con moderazione), Caffè di Cicoria, Karkadè
Miele biologico, sciroppo d'acero, zucchero di cocco (tutti occasionalmente e in moderate quantità)
Frutta disidratata (albicocche secche, prugne secche, fichi secchi, datteri, uvetta, ...) dovrebbe essere riservata per rare occasioni, poiché è ricca di zuccheri, a causa del loro potenziale impatto sulla glicemia.

La mia domanda è se anche a lei risulta che questi siano dati corretti e attendibili, ne ha sentito parlare? Grazie per l'attenzione e mi scuso se l'ho disturbata.
Cordialmente
Tina
Tina
 
Messaggi: 6
Iscritto il: mer mar 31, 2010 2:32 pm

Re: Dieta Paleo

Messaggiodi doc54 » ven lug 03, 2015 1:43 pm

Francamente la trovo un po'' troppo riduttiva. Inoltre il problema non è tanto legato alla dieta, quanto alle possibilità assimilative intestinali.
Dott. Giancarlo Cavallino
Medico Omeopata PNEI
Mob: +39.3333942207
Mob: +34 665370460
Mail: info.smige@gmail.com
Mail: dr.cavallino@legalmail.it
Skype: docowl
Avatar utente
doc54
Forum Admin
 
Messaggi: 2940
Iscritto il: mer feb 23, 2005 6:02 pm
Località: genova- italia


Torna a MALATTIE AUTOIMMUNI

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite